L’umorismo per fronteggiare lo stress (prima parte)

L'umorismo per fronteggiare lo stress

L’uomo ha sempre riso, anche di cuore, senza mai porsi tanti problemi.

Si nasce tutti con una naturale tendenza verso il gioco ed il divertimento, poi, purtroppo, con il tempo, questa naturale inclinazione viene sostituita spesso da ansia, depressione e paura, anche per la cultura occidentale che considera la risata indice di poca serietà.

Al contrario, la cultura orientale considera importante la risata: per il buddhismo zen 15 minuti di risate equivalgono a 6 ore di meditazione!

L’umorismo è uno strumento molto efficace per creare una disposizione d’animo che consente di affrontare situazioni difficili e conflittuali,giocando un ruolo importante nell’attenuare l’impatto dello stress.

L’umorismo rende più forti per superare gli ostacoli che la vita pone, aiuta a mantenere e a migliorare l’autostima.

La risata ha anche valenza sociale: è difficile ridere da soli. Ridere insieme crea alleanza.

Il sorriso amplifica i messaggi verbali, ha in sé valenze antigerarchiche e anti-aggressive. Ogni volta che ridiamo insieme la relazione che instauriamo è paritaria.

Una battuta può sdrammatizzare un problema; può ribaltare la nostra condizione tanto da renderci attivi nei confronti del nostro disagio.

Saper ridere di sè stessi modula similmente anche l’aggressività che talvolta ci rivolgiamo contro, ad esempio con autocritiche o con pensieri svalutanti. Sul piano della relazione con l’altro o con noi stessi, l’umorismo stabilisce pertanto una vera complicità: una battuta spiritosa può bloccare l’irrompere dell’ansia, della paura o della rabbia.

Un recente studio ha esplorato la relazione tra umorismo e salute psicologica in persone che avevano subito un trauma, mostrando che maggiori livelli di umorismo si connettevano a una riduzione della sintomatologia post-traumatica e anche a una minore difficoltà a regolare le emozioni spiacevoli come ansia, paura o rabbia.

L’umorismo si configura pertanto come una vera e propria strategia di fronteggiamento (coping) dei vissuti emotivi spiacevoli e delle situazioni problematiche di ogni giorno (soprattutto quelle che non possono essere modificate): cogliere gli elementi comici di una situazione pone una distanza tra sé e il problema che riduce i vissuti di ansia, di frustrazione e d’impotenza, modificando la percezione delle difficoltà che stiamo vivendo.

Pensiamo a quale potente effetto ha in una relazione conflittuale l’uso dell’auto-ironia!

Vi sembra inappropriato ridere in questo momento?

Non lo è, perché per ridere, soprattutto di sé, è necessario essere seri e coraggiosi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

Altri Articoli: